Gli alimenti per bambini che abbondano di aromi artificiali. Come evitarne il consumo

aromi artificiali

Sentiamo parlare spesso di additivi coloranti e conservanti, ma molto meno spesso degli aromi artificiali , sostanze che abbondano  in questi alimenti e che sono ancora inaffidabili in tema di sicurezza, in particolare per i bambini.

 Che cosa sono gli aromi artificiali 

Sono sostanze aggiuntive ai cibi industriali per migliorarne il loro profilo sotto l’aspetto dell’olfatto e del gusto.

Come gli additivi, si ricorre agli aromi per recuperare dei sapori degenerati nel corso della produzione, oppure per prevenire la perdita degli stessi che si verifica abitualmente durante lunghe conservazioni.

Gli aromi, a differenza di come crede il consumatore medio, non cambiano o correggono drasticamente il gusto degli alimenti, ma ne coprono la scarsa qualità.

Come gli additivi essi non hanno alcuna proprietà nutritive ma, ripetiamo, rendono piacevole un alimento che sarebbe di base, poco invitante o insapore.

 Aromi artificiali e aromi naturali

Bisogna fare un’importante distinzione in modo da poter selezionare il giusto prodotto al supermercato e in base a quello che troviamo in etichetta.

A proposito, abituatevi a leggerle le etichette.

La distinzione riguarda gli aromi naturali e quelli artificiali.

  • Quelli naturali si estraggono, come potete immaginare, da materie prime naturali ossia da fiori, radici, foglie e frutta.Questi sono quelli più costosi e quindi meno utilizzati da parte delle aziende a causa della loro deteriorabilità rispetto agli aromi artificiali .
  • Gli aromi artificiali vengono prodotti grazie alla chimica di sintesi, contengono alcool ed un gusto molto più forte rispetto agli aromi naturali .
  • Poi abbiamo gli aromi naturali identici ,che sono uguali a quelli naturali, ma sintetici come la vanillina. Questi sono i preferiti dalle aziende perché hanno un costo inferiore una maggiore conservazione e sicurezza.

 

Dove sta la pericolosità degli aromi

Secondo una citazione nota, niente è veleno, tutto è veleno, la differenza la fa la dose.

In questo caso la domanda è:

qual’ è la quantità al limite entro la quale possiamo venire a contatto con una sostanza tossica perché essa non metta a rischio la nostra salute?

Sarebbe meglio, a  nostro avviso, non venirne proprio a contatto con essa,. ma la sua assidua presenza tra gli scaffali dei supermercati, implica questa osservazione

Il lato oscuro degli aromi

  • La pericolosità degli aromi, sta nel fatto che sono i parenti degli additivi, e quindi vengono aggiunti agli alimenti per motivi tecnologici, non avendo alcun valore nutritivo, però gli additivi per legge, devono essere indicati in etichetta riportando la sigla equivalente a un determinata sostanza, per gli aromi basta la dicitura “aromi o aromi naturali”.
  • L’altra pericolosità sta nel fatto che per gli additivi c’è una maggiore valutazione ai fini della sicurezza ed una lista di quelli permessi dalla legge,  invece non vale per gli aromi, dove  esiste soltanto un piccolo elenco negativo di quelli il cui uso è vietato, eppure all’interno dei più svariati prodotti industriali ne troviamo circa 3000.

Aromi e bambini

Come per tutte le malattie, l’esposizione a sostanze o a virus assume una determinata entità in base all’età e alle condizioni fisiologiche dell’individuo.

I soggetti più deboli da sempre sono i bambini, e ahimé, l’ industria alimentare riserva una svariata quantità di prodotti contenenti aromi artificiali, prodotti che molto spesso sono destinati al consumo dei più piccoli per le loro caratteristiche..

Andiamo a vedere prima un esempio dei cibi più sicuri

  • Difficilmente un prodotto in commercio non contiene la parola aroma, nell’elenco degli ingredienti. In parole povere , si salvano solo gli ortofrutticoli freschi e un gruppo ristretto che comprende: OLIO, , LATTE, UOVA, VINO, PASTA SECCA,YOGURT NATURALE, FORMAGGI, MIELE, , CARNE,SUCCHI DI FRUTTA 100%, CACAO AMARO E POCHI ALTRI.

Quelli da evitare

  • “Un tipico aroma artificiale di fragola, come quello che troviamo in un milk shake alla fragola di Burger King, 

contiene questi ingredienti: amil-acetato, amil-butirato, amil-valerato, anetolo, anisil-formato, benzil-acetato,
benzile-isobutirato, acido butirrico, cinnamil-isobutirato, cinnamil-valerato, olio essenziale di cognac, díacetíle,
dipropil-chetone, etil-acetato, etil-amilchetone, etil-butirato, etil-cinnamato, etil-eptanoato,
etil-eptilato, etil-Iactato, etil-metilfenilglucidato, etil-nitrato, etil-propionato, etil-valerato, eliotropina,
idrossifreniP2-butanone (soluzione al dieci percento in alcol), alfa-ionone, isobutil-antranilato,
isobutil-butirato, olio essenziale di limone, maltolo, 4metilacetofenone, metil-antranilato, metil-benzoato ‘
metil-cinnamato, carbonato di metil-eptina, metil-naftil_chetone, metilsalicìlato, olio essenziale di
menta, olio essenziale dì neroli, nerolina, neril-isobutirato, burro di giaggiolo, alcol fenetilico,
etere di rum, gamma-undecalactone, vanillina e solvente.”

Seguici su Facebook

Incredibile vero? Bene, allora evita tutti quei simpatici alimenti fruttati e dai mille colori e profumi alla frutta per bambini perchè contengono la stessa cosa

  • Gli aromi artificiali sono sono messi nei gelati, industriali e anche artigianali, poi ovviamente dipende dalla gelateria.
  • anche nella SOIA (TUTTA, dal latte fino all’ultimo prodotto, controllate e lo rileverete) .
  • Sono ,messi nella maggior parte dei CIBI INDUSTRIALI.
  • Le BEVANDE? TUTTE, nessuna ne è esente.
    In proposito mi permetto di ricordare che TUTTI gli animali bevono SOLO ACQUA.
  • Sono contenenti nei prodotti affumicati dalle carni ai formaggi, per ricrearne appunto l’affumicatura.
  • Potremmo fare un elenco infinito elencando specialmente tutte quelle “invenzioni” messe a punto per i bambini, come i sofficini, a proposito leggi qui a riguardo….

Soluzione?

Mangiare più dalla terra e meno dagli scaffali

The China Study
Lo studio più completo sull’alimentazione mai condotto finora. Sorprendenti implicazioni per la dieta, la perdita di peso e la salute a lungo termine.

Voto medio su 348 recensioni: Da non perdere

€ 20

La riproduzione è consentita solo se l’articolo non viene modificato, includendo i link  incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi, la riproduzione è vietata.


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

loading...